STATUTI

scarica PDF

Indice

I. NOME SEDE E SCOPO
Art.  1   Definizione e scopo
Art.  2   Forma, sede e garanzie
Art.  3   Affiliazioni
II. COMPOSIZIONE
Art.  4   Soci
Art.  5   Soci attivi
Art.  6   Soci onorari
Art.  7   Soci contribuenti e sostenitori
Art.  8   Ammissioni
Art.  9   Obblighi e diritti
Art. 10  Dimissioni
Art. 11  Espulsioni
III.  ORGANIZZAZIONE
Art. 12  Organi
Art. 13  Assemblea generale
Art. 14  Convocazione, validità e votazioni
Art. 15  Assemblee straordinarie
Art. 16  Competenze dell’Assemblea
Art. 17  Il Comitato direttivo
Art. 18  Convocazione e validità
Art. 19  Compiti e competenze
Art. 20  Compiti di sezione
Art. 21  Commissione di revisione
IV. FINANZE
Art. 22  Generalità
Art. 23  Fondi speciali e competenze
V. DISPOSIZIONI FINALI
Art. 24  Revisione dello statuto
Art. 25  Scioglimento della società
Art. 26  Entrata in vigore

I.   NOME E SCOPO

Art. 1  Definizione e scopo

Sotto la denominazione di “SOCIETÀ LIBERI TIRATORI CHIASSO” è costituita in Chiasso un’associazione sportiva apolitica e aconfessionale che si propone l’addestramento dei soci allo sport del tiro a segno, incrementandone i sensi del patriottismo e lo spirito di camerateria, nell’interesse della difesa nazionale e delle istituzioni democratiche.

Art. 2  Forma, sede e garanzie

La Società è costituita in forma di associazione ai sensi degli art. 60 e segg. del CCS. La sede è a Chiasso, all’indirizzo postale della Società. I suoi impegni sono garantiti esclusivamente dal patrimonio sociale e non vincolano in alcun modo la personale responsabilità dei Soci.

Art. 3  Affiliazione

La Società fa parte della Federazione Ticinese delle Società di Tiro (FTST), e tramite la stessa, della Federazione sportiva svizzera di tiro (FST). La Società e i suoi membri sono pure affiliati all’Assicurazione Infortuni delle Società di Tiro (AIST)

II.  COMPOSIZIONE

Art. 4  Soci

La Società, di regola, è formata da cittadini svizzeri d’ambo i sessi e comprende:

Soci attivi;
Soci onorari
Soci contribuenti e sostenitori
Tutte le cittadine e i cittadini svizzeri in possesso dei diritti civici, come pure gli adolescenti che nell’anno in corso compiono 10 anni d’età, possono divenire membri della Società.

Art. 5  Soci attivi

I soci attivi sono quei tiratori che si impegnano a partecipare, oltre che agli esercizi federali, anche a tutte le gare sportive ed a tutti i concorsi cui prende parte la Società, allenandosi disciplinatamente e regolarmente onde migliorare i risultati di sezione ed individuali.

I soci attivi costituiscono, a seconda delle loro attitudini e preferenze, le sezioni su cui si basa tutta l’attività sportiva della Società, e più precisamente, Sezione arma corta e Sezione arma lunga, le quali si organizzano al loro interno in funzione delle proprie esigenze.

Art. 6  Soci onorari

Su proposta del Comitato direttivo e per decisione assembleare, la Società può eleggere a soci onorari quei membri che hanno reso segnalati servigi alla causa del tiro ed agli scopi che la Società si prefigge, secondo regolamento separato.

Vengono eletti dall’Assemblea generale, a voto palese e con la maggioranza dei 2/3 dei presenti.

Art. 7  Soci contribuenti e sostenitori

Soci contribuenti sono tutti i membri che, senza partecipare all’attività sportiva ed alle competenze sociali, si impegnano a pagare almeno la quota sociale per loro prevista.

Soci sostenitori sono tutti quei membri che si meritano la riconoscenza della Società mediante generose elargizioni annue.

Soci contribuenti e sostenitori possono presenziare alle Assemblee generali. Non hanno però diritto di voto se non in caso di scioglimento della Società.

Art. 8  Ammissioni

Vengono ammessi in qualità di soci attivi quei tiratori che, presentano domanda scritta su apposito formulario, intendendo partecipare con assiduità ad allenamenti e concorsi.

Cittadini di altra nazionalità potranno venir ammessi eccezionalmente in qualità di soci attivi solo se particolarmente meritevoli. La loro domanda scritta, se preavvisata favorevolmente dal Comitato di sezione, verrà esaminata dal Comitato direttivo che potrà accettarla per un anno, riservate le decisioni delle competenti Autorità cantonali.

Art. 9  Obblighi e diritti

I soci attivi sono tenuti, a partecipare, oltre che agli esercizi federali, alle gare cui prende parte la Società, in particolare al campionato sociale. Si impegnano inoltre a collaborare, nei limiti delle loro possibilità, nell’organizzazione della Società e dei tiri.

Non possono partecipare a gare di tiro con altre Società, salvo una speciale autorizzazione del Comitato di sezione, sempre che ciò sia ammesso dai regolamenti cantonali e federali.

Possono fruire di facilitazioni e di sussidi per la partecipazione ai tiri.

Art. 10  Dimissioni

I soci attivi possono rassegnare le dimissioni inoltrandole nella forma scritta al Comitato direttivo. Con l’accettazione delle dimissioni il socio perde tutti i diritti, non è però esonerato dal pagamento della tassa per l’anno in corso.

I soci che non adempiono agli obblighi sociali per almeno due anni vengono automaticamente radiati.

Art. 11  Espulsioni

Il socio che avesse ad agire contro gli interessi della Società o contro il suo buon nome, o che non si attenesse alle sue decisioni, potrà essere espulso su proposta del Comitato direttivo e per decisione assembleare con la maggioranza dei 4/5 dei presenti.

III.  ORGANIZZAZIONE

Art. 12  Organi

Gli organi della Società sono:

l’Assemblea generale;
la commissione di revisione
il Comitato direttivo
i Comitati di sezione
Art. 13  Assemblea generale

L’assemblea generale è l’organo supremo della Società e si compone da soci attivi, contribuenti e sostenitori.

Art. 14  Convocazione, validità e votazioni

Il Comitato direttivo convoca annualmente entro fine marzo l’Assemblea generale ordinaria, dando comunicazione scritta dell’elenco delle trattande a tutti i soci, almeno dieci giorni prima.

L’Assemblea generale è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e decide su qualsiasi oggetto a maggioranza dei presenti, fatta eccezione per quelle decisioni che per statuto esigono una maggioranza qualificata.

Le votazioni si fanno per alzata di mano o per appello nominale, qualora la maggioranza non richieda la scrutinio segreto. In caso di parità il voto del presidente è decisivo.

Art. 15  Assemblee straordinarie

Assemblee generali straordinarie possono venir convocate, con un preavviso minimo di tre giorni, per decisioni del Comitato direttivo o su richiesta di 1/5 dei soci aventi diritto di voto, ogniqualvolta decisioni gravi o importanti lo esigano.

Art. 16  Competenze dell’Assemblea

All’Assemblea generale competono:

l’allestimento della lista dei presenti ( per stabilire il quorum);
la nomina degli scrutatori;
la nomina del presidente del giorno ( se richiesta);
l’approvazione del verbale dell’Assemblea precedente;
l’approvazione dei rapporti annuali del presidente e dei presidenti delle sezioni;
l’approvazione del rapporto del cassiere – contabile e dei revisori;
l’approvazione del preventivo;
l’elezione del Comitato direttivo (art.17), dei Comitati di sezione (art.20) e della Commissione di revisione (art.21)
la nomina dei soci onorari;
l’espulsione di soci;
le modifiche parziali o totali degli statuti;
le decisioni circa l’organizzazione di feste di tiro e l’approvazione dei relativi rapporti finali
la determinazione delle quote sociali;
la determinazione del prezzo delle munizioni;
l’approvazione di crediti straordinari che esulano dalle competenze del Comitato direttivo;
l’istituzione di fondi speciali.

Art. 17  Il Comitato direttivo

Il Comitato direttivo si compone almeno di nove membri. Le seguenti cariche vengono elette dall’Assemblea generale per un anno e sono sempre rieleggibili:

presidente;
vice-presidente;
segretario;
cassiere-contabile;
direttori di tiro;
presidenti delle sezioni;
responsabile impianti e materiale
Di norma le cariche di presidente e di vicepresidente devono essere affidate ad un socio attivo nella sezione arma lunga ed a uno attivo nella sezione arma corta. Per la nomina dalle altre cariche in seno al Comitato direttivo l’Assemblea generale, unitamente al Comitato direttivo stesso, veglieranno a che le due sezioni siano adeguatamente rappresentate.

La carica di direttore di tiro può essere affidata esclusivamente ai soci che hanno seguito con successo un corso per monitori di tiro.

Il Comitato direttivo può nominare al proprio interno ulteriori membri secondo le necessità.

Oltre alle funzioni succitate, i comitati sezionali possono proporre all’Assemblea generale la nomina di membri che ritengono utili per il buon funzionamento della Società.

Art. 18  Convocazione e validità

Il Comitato direttivo si riunisce su convocazione del presidente o per decisione di almeno la metà più uno dei suoi membri ogniqualvolta la buona amministrazione lo richieda.

Il Comitato direttivo decide validamente con la presenza della metà più uno dei suoi membri.

In caso di parità il voto del presidente è decisivo.

Art. 19  Compiti e competenze

Il Comitato direttivo promuove l’attuazione degli scopi sociali, veglia sull’osservanza dello statuto, convoca le Assemblee, ne esegue le decisioni, amministra il patrimonio sociale.

Tratta tutti gli oggetti che non sottostanno alla competenza dell’Assemblea generale e più precisamente:

la nomina dei delegati ad altre istanze;
redige il programma annuale;
elabora gli oggetti per l’Assemblea generale;
redige tutti i resoconti, i rapporti e le statistiche necessarie;
sorveglia l’andamento delle sezioni.
Ai singoli membri del Comitato direttivo spettano in particolare le seguenti competenze:

il presidente dirige le sedute del Comitato direttivo e le Assemblee, presenta il rapporto morale annuo all’Assemblea generale, rappresenta la Società di fronte ai terzi e cura in particolare l’incremento dell’attività sociale;
Il vice-presidente collabora strettamente con il presidente e lo sostituisce in caso di necessità;
Il segretario redige i verbali delle sedute di Comitato e delle Assemblee, tiene tutta la corrispondenza della Società, cura la stesura dei vari elenchi (soci, soci onorari, soci benemeriti, soci seniori, tiratori d’elite, e soci con onorificenze varie);
Il cassiere-contabile tiene una dettagliata contabilità, cura l’incasso della tasse sociali e di ogni altro provento, provvede ai pagamenti, risponde dell’organizzazione finanziaria dei tiri, allestisce il consuntivo e il preventivo da sottoporre all’Assemblea generale, cura l’elenco dei soci contribuenti e sostenitori;
I presidenti delle sezioni rispondono nei confronti della Società di tutta l’attività e della conduzione delle rispettive sezioni, presentano all’Assemblea generale il rapporto annuale e curano l’incremento dell’attività sportiva;
Il responsabile impianti e materiale sovrintende al buon funzionamento dagli impianti e alla gestione del materiale d’uso;
I direttori di tiro, coadiuvati dai monitori di tiro sono incaricati della sorveglianza e dell’istruzione dei tiratori, della scurezza nello stand. I monitori di tiro sono incaricati della sorveglianza e dell’istruzione dei tiratori.
Tutti i membri del Comitato direttivo devono collaborare strettamente per tutto quanto concerne l’attività sociale. Ogni membro è responsabile nei confronti della Società di quanto gli è stato affidato.

La Società è vincolato giuridicamente dalla firma a due del presidente o del vice-presidente con quella del segretario, e per quanto riguarda gli affari finanziari congiuntamente al cassiere.

Il Comitato direttivo decide in merito ad oneri finanziari straordinari per importi non superiori a Fr. 2’500.- (duemila e cinquecento)

Art. 20  Comitati di sezione

I Comitati di sezione si compongono di almeno tre membri. Le seguenti cariche vengono elette dall’Assemblea generale per un anno e sono sempre rieleggibili:

presidente
direttore di tiro
Il Comitato nomina al proprio interno ulteriori membri secondo le necessità.

I Comitati di sezione curano l’incremento dell’attività sportiva e l’organizzazione di allenamenti, gare e degli esercizi federali.

Promuovono corsi per giovani tiratori, delegandone l’organizzazione al direttore del corso qualificato.

Art. 21  Commissione di revisione

La commissione di revisione si compone di due membri che stanno in carica un anno. Uno di essi non è rieleggibile. La commissione di revisione esamina la gestione sociale e ne dà scarico all’Assemblea generale ordinaria mediante un rapporto scritto.

I componenti della commissione di revisione non possono essere membri del Comitato direttivo.

IV.  FINANZE

Art. 22  Generalità

La Società provvede al suo regolare funzionamento mediante le quote sociali, i sussidi federali cantonali e comunali, agli utili conseguiti in gare di tiro e manifestazioni collaterali, come mediante donazioni e sponsorizzazioni.

L’esercizio amministrativo della Società corrisponde all’anno civile.

È data facoltà alle sezioni, dietro approvazione del comitato direttivo, di istituire una cassa autonome. A fine anno, attivo e passivo passano alla Società unitamente ad un rapporto finanziario.

Art.23 Fondi speciali e competenze

Fondi speciali potranno venir istituiti, per decisione assembleare, al fine di migliorare le attrezzature e le armi della Società, di sussidiare manifestazioni di tiro, di favorire la partecipazione a gare fuori sede e di promuovere la formazione dei giovani.

L’Assemblea generale delega al Comitato direttivo la competenza a disporne allo scopo previsto.

V.  DISPOSIZIONI FINALI

Art.24  Revisione dello statuto

Il presente statuto può essere modificato dall’Assemblea generale a maggioranza di almeno 2/3 dei membri presenti aventi diritto di voto, riservata l’approvazione dell’Autorità cantonale e dalla FTST.

La relativa trattanda deve essere esplicitamente indicata nell’ordine del giorno.

Eventuali proposte di modifica dello statuto devono essere presentate al comitato direttivo, che le preavvisa e le sottopone alla prossima Assemblea generale.

Art. 25  Scioglimento della Società

Lo scioglimento della Società può avvenire:

su proposta del comitato direttivo:
su richiesta di metà dei membri aventi diritto di voto.
La Società può sciogliersi solo con il consenso dei 4/5 dei soci aventi diritto di voto.

Qualora una prima Assemblea non riuscisse in numero, verrà convocata una nuova Assemblea la quale deciderà validamente qualunque sia il numero degli intervenuti, con il consenso di 4/5 dei presenti.

In caso di scioglimento della Società, gli archivi ed il patrimonio sociale dovranno essere consegnati al comune di Chiasso, il quale li amministrerà per una durata minima di 10 anni. Se durante questo periodo una nuova Società perseguente il medesimo scopo dovesse essere fondata, gli archivi ed i beni saranno rimessi.

L’Assemblea che deciderà lo scioglimento nominerà una commissione di liquidazione di tre membri, la quale chiuderà gli affari sociali e curerà la consegna del patrimonio come al presente articolo.

Art. 26  Entrata in vigore

Il presente statuto è stato approvato dall’Assemblea generale del 17.dicembre 2008 ed entra in vigore con approvazione dell’Autorità cantonale e della FTST abrogando ogni statuto precedente.

SOCIETÀ LIBERI TIRATORI CHIASSO

Il Presidente:              La segretaria:

Walter Gabathuler       Giuliana Bossi

Approvato dalla FEDERAZIONE TICINESE DELLE SOCIETÀ DI TIRO il:

Il Presidente:               Il segretario:

Oviedo Marzorini          Mario Gianettoni

Approvato dal DIPARTIMENTO DELLE ISTITUZIONI il:

Il Capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione:

Giorgio Orelli